OSPITALITA' AGRICOLTURA ARTIGIANATO AVVENIMENTI PERCORSI E SPORT CULTURA E STORIA GEOGRAFIA DOVE SIAMO
   
Sei in: Home / Agricoltura / Prodotti 
 Prodotti
    
   

Cavolo 

Con il nome di cavoli si identificano una serie di variet della stessa specie, tra cui ricordiamo: il cavolfiore (brassica oleracea var. botrytis), il cavolo broccolo (brassica oleracea var. italica), il cavolo cappuccio (brassica oleracea var. capitata), il cavolo verza (brassica oleracea var. sabauda), il cavolo di Bruxelles (brassica oleracea var. gommifera), il cavolo cinese (brassica pechinensis), il cavolo rapa (brassica oleracea var. gongyloides). 
    

   Ricetta 

La storia 
Il cavolo originario del bacino del Mediterraneo, ed una coltura molto antica. I Romani ritenevano che avesse il potere di scacciare la malinconia e la tristezza; sempre i romani usavano mangiarlo crudo, prima dei banchetti, per aiutare lorganismo ad assorbire meglio lalcool. Ancor oggi, in alcuni paesi dellEuropa dellest, se ne mangiano le foglie crude dopo aver esagerato con la vodka. Peraltro, Catone attribuiva la proverbiale salute di ferro dei romani alla grande quantit di cavoli che caratterizzava la loro dieta.

Aspetti nutrizionali e virt terapeutiche 
Il cavolo, per la vastit delle sue indicazioni terapeutiche e per lefficacia della sua azione, degno di far parte del gruppo di verdure-piante medicinali di maggiore utilit terapeutica, insieme ad aglio, cipolla, carota e salvia. Contiene vitamine A, B1, B2, B6, C, D, E, K, PP; arsenico, bromo, calcio, cobalto, ferro, fosforo, iodio, rame, manganese, magnesio, potassio, zinco, zolfo, clorofilla, diversi aminoacidi, mucillagini e saponine. 
Grazie alle sue spiccate propriet antinfiammatorie, cicatrizzanti e depurative, dalluso quotidiano di cavolo crudo o del suo succo centrifugato (anche per uso esterno) possono trarre beneficio varie malattie e disfunzioni come astenia, acne, ascessi, artrosi e artriti, cistiti, emorroidi, infiammazioni delle vie aeree (faringiti, tonsilliti, laringiti, tracheiti, bronchiti, polmoniti), insufficienza epatica, ulcere gastriche, duodenali e peptiche, enteriti, coliti, parassitosi intestinali, stitichezza. E inoltre efficacissimo nel prevenire e curare dermatiti, ascessi, punture di insetti. 
Da tempo, inoltre, si conoscevano le virt anticancro dei cavoli; ora ne stato scoperto anche il perch. Questi ortaggi sono infatti ricchi di indoli, sostanze che agiscono inattivando chimicamente gli agenti cancerogeni, soprattutto per i tumori al colon e al seno, in quanto influenzano il metabolismo degli estrogeni. 
Una ricerca compiuta su 600 uomini alluniversit dello Utah ha messo in rilievo che un consumo regolare di cavoli riduce fino al 70% il rischio di tumore al colon, come pure la formazione di polipi al retto. Addirittura, basta consumare cavoli una volta ogni 1-2 settimane per ridurre questo rischio di quasi il 50%. Anche lazione antiulcera stata documentata: i cavoli contengono unaltra sostanza, il gefarnato, usato da tempo come base di farmaci antiulcera. 
Questo composto ha il potere di rinforzare la mucosa dello stomaco proteggendola dagli attacchi degli acidi. Sembra inoltre che il cavolo abbia propriet antibiotiche, specie nei confronti dell Helicobacter pylori, il batterio ormai ritenuto la causa principale delle ulcere. Una curiosa indagine compiuta negli Stati Uniti tra 100 detenuti della prigione di San Quintino sofferenti di ulcera ha mostrato che con due sorsi di succo di cavolo al giorno lulcera guarita nel giro di tre settimane. 
E importante ricordare, peraltro, che qualsiasi tipo di cavolo pi digeribile, pi salutare e gradevole crudo che cotto. Un cavolo bollito richiede pi di quattro ore per essere digerito, mentre per quello crudo ne bastano due.

I crauti
Un discorso a parte vale per i crauti, cibo squisito e tra i pi salutari che si conoscano. Non solo perch i cavoli sono una pianta medicinale di per s, ma anche perch il processo di fermentazione necessario per trasformare i cavoli cappucci in crauti aggiunge loro ulteriori virt terapeutiche. Infatti, se la fermentazione eseguita correttamente, si produce una grande quantit di acido lattico (simile a quello contenuto nello yogurt). Lacido lattico svolge unazione regolatrice, antifermentativa, depurativa e disinfettante a beneficio dellintestino, potenziando al contempo lattivit della flora intestinale. Ovviamente, per esplicare le loro virt, i crauti non andrebbero cotti e tantomeno con la pancetta, bens consumati a crudo conditi con un po di olio extravergine di oliva. Per molti disturbi gastrici e intestinali ottimo il succo bevuto al mattino a digiuno. 
I crauti sono anche una fonte importante di vitamina C nel periodo in cui gli agrumi non sono disponibili.

Le stagioni del cavolo
  
G F M A M G L A S O N D

 

Legenda:
   
 
Stagione nella quale presente il prodotto

Patto Territoriale

Cos�� il Patto territoriale della Val di Gresta?

Leggi

 

 
Le verdure 
 
Mais
Cipolla
Patata
Sedano e carota
Zucca
  
   
 Coordinamento testi: Katia Angeli, Norma Benoni, Michela Luise

Project by Graffiti2000