OSPITALITA' AGRICOLTURA ARTIGIANATO AVVENIMENTI PERCORSI E SPORT CULTURA E STORIA GEOGRAFIA DOVE SIAMO
   
Sei in: Home / Cultura / Da visitare / Arte / Santuario 
 Cultura e storia
    
   

Santuario di Monte Albano

Chiesa di S. Maria di Monte Albano

Il santuario di Monte Albano, dedicato allAnnunciazione, si erge a picco su uno sperone roccioso che domina Mori, dal quale si gode un vasto panorama sulla Val Lagarina, la valle del Cameras e laltopiano di Brentonico.
La localit raggiungibile facilmente attraverso la mulattiera che sale da Mori, la stessa che porta ai ruderi del castello di Albano.
Due edicole sacre del XVII secolo, una con una la statua dellAddolorata, opera di Luigi Bombana, preludono al santuario, che si erge al sommo di una rustica scalinata, preceduto dal piccolo sagrato.
Annesso al santuario ledificio dove alloggiavano gli eremiti, incaricati di custodire la chiesa, di vigilare sugli incendi e di suonare la campana della scuola.
La chiesa, costruita nel 1567, a seguito dellintensificazione del culto mariano promosso dal Concilio di Trento, ha una semplice struttura a capanna, sormontata da un tiburio ottagonale. Il possente campanile, in pietre da taglio, alleggerito da eleganti bifore e coperto da una cuspide in cotto, si rif al romanico veronese, stile che caratterizza i campanili pi antichi della Val Lagarina, fra i quali S. Biagio, S. Stefano e Mori Vecchio, a Mori, palese testimonianza della penetrazione della cultura figurativa veronese nel Basso Trentino
Sul lato verso la valle stato posto da tempo un grande orologio, illuminato anche la notte.
La semplice facciata arricchita da un portale e da due finestre laterali dai profili barocchi in marmo rosso, realizzati dallo scultore Valentino Lucchi nel 1757. La porta ornata da sei rilievi di Luigi Bombana, scultore di Mori del XX secolo.
Linterno venne trasformato verso la met del Settecento da Domenico Sartori di Castione.
Modeste ma piacevoli, le pale daltare barocche raffigurano episodi della vita di Cristo.
Laltare maggiore, del 1692, opera dello scultore Domenico Rossi, detto il Manentino, autore di altari in marmi policromi nella chiesa di S. Maria Assunta di Arco.

La posizione panoramica, i ruderi del castello di Albano, i muretti di sostegno dei piccoli campi coltivati di impianto recente un rigoglioso uliveto i grandi massi di frana sparsi fra la vegetazione boschiva fanno del santuario di Monte Albano un luogo di particolare suggestione.

Per saperne di pi:

C. MENEGAZZI, Barocco a Monte Albano, in el Campan de San Giuseppe, 1996
 



Ruderi del Castello di Albano e santurario di Monte Albano
 

Le trincee

La linea difensiva del Creino e dello Stivo

Leggi
 Coordinamento testi: Katia Angeli, Norma Benoni, Michela Luise

Project by Graffiti2000