OSPITALITA' AGRICOLTURA ARTIGIANATO AVVENIMENTI PERCORSI E SPORT CULTURA E STORIA GEOGRAFIA DOVE SIAMO
   
Sei in: Home / Cultura / Da visitare / Paesi / Descrizione geografica 
 Cultura e storia
    
   

I paesi

Introduzione
La Val di Gresta e Gardumo 

Descrizione geografica della Val di Gresta e di Mori 

La Val di Gresta occupa l'estremit meridionale della catena montuosa del Bondone-Stivo, che si erge fra la valle del fiume Adige e quella del fiume Sarca, e si configura come una sinclinale di modellamento glaciale, percorsa dal Rio Gresta.

La sua superficie di ettari 2994,0766, dei quali 1318,8179 appartengono al Comune di Ronzo-Chienis e 1675,2587 appartengono al Comune di Mori. Per Val di Gresta si intende non solo la valle del Rio Gresta, ma il territorio dei sette paesi che costituivano l'antica pieve di GARDUMO

Gardumo quindi sinonimo di Val di Gresta. 
I sette paesi sono: Ronzo, Chienis, Varano, Pannone, Nomesino, Manzano, Valle San Felice; i primi due formano oggi il comune di Ronzo-Chienis e gli altri cinque sono compresi nel comune di Mori.
Gardumo-Val di Gresta quindi pi vasto della valle del Rio Gresta intesa in senso geografico ed paragonabile ad un largo triangolo isoscele; il vertice settentrionale corrisponde alla cima del Monte Stivo (m.2059), la base, simile ad un arco di circonferenza, corrisponde al limite settentrionale del piano di Nago-Loppio-Mori (m.220**) mentre l'altezza data dallalveo del Rio Gresta. 

Questo triangolo pu essere a sua volta diviso in tre porzioni, delimitate da due linee longitudinali, che corrispondono ai due spartiacque; la prima linea tesa dalla cima del Monte Stivo e passa da quella del Monte Creino (m.1292); la seconda linea tesa dal dosso del Somatr (1305) e passa dalle cime del Monte Biaena (m.1615) e del Nagi-Grm (m.787).

La porzione occidentale della Val di Gresta circa un quinto della superficie totale e appartiene alla valle del Sarca; la porzione orientale circa un quarto del territorio totale e appartiene alla Vallagarina, essa comprende il territorio di Manzano e di Nomesino; la porzione centrale, compresa dai fianchi dei monti Creino e Biaena, percorsa dal Rio Gresta e costituisce la " valle" di Gresta propriamente detta, essa occupata dai comuni catastali di Ronzo, parte di Chienis, Varano, parte di Pannone, Valle San Felice.

La larga valle centrale origina dall'altopiano della Bordala, posto fra i 1200 ed i 1330 m. di altitudine e scende fino al piano coltivato e gi paludoso di Pra da Lach (m.1075); essa scende ancora dolcemente allargandosi e comprendendo i due paesi di Ronzo (m.1005) e di Chienis (m.950); il suo fianco destro in gran parte coltivato ed costituito dal versante orientale del Monte Creino; il suo fianco sinistro pi ripido ed in gran parte occupato da un bosco di conifere, che cresce sul versante occidentale del Monte Biaena.

Il Rio Gresta ha origine da varie acque e sorgenti che confluiscono nel mezzo della valle fra gli abitati di Ronzo e di Chienis; la principale di tali acque quella che nasce dalla sorgente Font all'estremo nord-ovest dellabitato di Ronzo, aggira il paese, separandolo da Chienis, e raccoglie infine le altre acque provenienti da Ronzo e soprattutto quelle delle sorgenti della Siora, del Gaz; a questo punto il Rio Gresta pienamente costituito.

Riceve pi a valle altri rivi e sergenti e incide la valletta di Trevl. Varano (m.870) e Pannone (m.760) si trovano come Chienis alla destra del Rio Gresta, ognuno posto su un gradone o piano di fertile campagna; il piano di Pannone chiuso a sud-ovest dal dosso del Castel Gresta (m.795), centro della Val di Gresta.

Valle San Felice (m.570) giace su di un piano pi in basso, che sale dolcemente verso il Monte Biaena. Proseguendo il suo percorso il Rio Gresta riceve le acque che scendono dal Monte Biaena e sono raccolte nel rivo di Rinzm; oltrepassa poi il Piantino (m.400) e giunge infine nel piano di Loppio (m.220), che percorre verso oriente fino a confluire nel Rio Cameras nei pressi del Pal di Mori.
Il territorio di MORI costituito da un largo piano, che inizia dall'alveo prosciugato del Lago di Loppio e che delimitato ad oriente dal Fiume Adige. Esso un vallone tettonico trasversale ad U, posto tra le due grandi valli glaciali dell'Adige e del Basso Sarca. Separa cos le due catene montuose del Bondone-Stivo e del Monte Baldo e risale di poco sulle loro estreme pendici. 
La superficie del comune catastale di Mori di 1779 ettari. Il piano di Loppio-Mori percorso dal Cameras, emissario del Lago di Loppio (il livello dell'acqua era a m.220), che si era formato fra il grande scoscendimento di S.Giovanni ed i bassi conoidi del Rio Gresta e della Val delle Porte. 

Il Cameras raccoglie oggi le acque delle sorgenti che non sono inghiottite dal desolato alveo prosciugato del lago di Loppio.
In seguito a bonifiche del secolo scorso sono stati coperti i primo 300 m. del Cameras, che scorre in un tunnel a volta; stato infine prosciugato il Lago di Loppio in concomitanza dello scavo della galleria Adige-Garda. 

Il Piano di Loppio-Mori chiuso a nord dalle pareti rocciose della "Montagna di Gardumo", che sono scavate dai due solchi delle acque che scendono da Manzano, Rio di Sonzano e poi di San Rocco, da Nomesino Rio della Val Binla.
 Il territorio di Mori sale a meridione dolcemente verso Besagno (m.390-400) e il Monte Giovo (m.640), con una fertile costa di vigneto, segnata nel mezzo dall'altura di Castel Palt (m.372) e solcata da vallette percorse da ruscelli. Essi sono il Rio de la Costa Granda e il Rio de la Val de l'Orco che confluiscono nel Rio (de val) da Bot; quest'ultimo riceve presso il paese il Rio de la Bis e diventa infine Rio di Nevl, che scende fra Palt e Besagno verso Tierno e percorrendo quest'ultimo paese prende il nome di Rio di Tierno, affluendo infine nellAdige.
Ad occidente del Monte Giovo una costa coltivata sale verso il paese di Castione dal paese di Sano, posto a m.261 su un poggio che guarda il piano di Loppio. 
La costa solcata dalla valletta del rivo di Castione, che diventa Rio di Sano (Rio Freddo, nei pressi del paese) e che affluisce nel Cameras. La Bordina il vasto e boscoso fianco settentrionale del Monte Altissimo, che delimita a sud il Piano di Loppio. Appartiene a Mori la porzione verso Sano e quella circostante il dosso di Castel Verde (m.371), che solcata dalla Val delle Porte.

indietro

Le trincee

La linea difensiva del Creino e dello Stivo

Leggi
 Coordinamento testi: Katia Angeli, Norma Benoni, Michela Luise

Project by Graffiti2000