OSPITALITA' AGRICOLTURA ARTIGIANATO AVVENIMENTI PERCORSI E SPORT CULTURA E STORIA GEOGRAFIA DOVE SIAMO
   
Sei in: Home / Cultura / Da visitare / Paesi 
 Cultura e storia
    
   

Besagno

Besagno, frazione di Mori situata sui primi contrafforti del Monte Baldo, lungo la strada per Brentonico, gode di una posizione invidiabile da cui si domina tutta la piana fra Mori e Rovereto.
Circondato da prati, vigneti e castagni, il paese risulta uno dei pi piacevoli della Val Lagarina e ha saputo conservare limpianto urbanistico dei tre nuclei originari e buona parte delledilizia tradizionale, con abitazioni rustico signorili in muratura, provviste di porticati e di corti chiuse da muri e arricchite da artistici portali scolpiti nella pietra locale.
Il pi notevole di questi edifici la casa Boschetti, in contrada San Zeno, residenza seicentesca dalla facciata movimentata da un portale bugnato, con liscrizione Blasio de Bortolamis Boschetti e da unelegante bifora in pietra.

La chiesa della Presentazione di Maria, in posizione eminente ai margini del centro abitato, stata riedificata nel 1866 su progetto di Antonio Nicolussi, architetto e pittore di Mori. E a pianta centrale, con il timpano fiancheggiato da due campanili gemelli. Linterno di gusto neoclassico, elegante sebbene tardo, arricchito da smaglianti affreschi di Adolfo Mattieli negli anni trenta del Novecento e da due altari marmorei barocchi, opera dei maestri castionesi e verosimilmente provenienti dalla chiesa preesistente.

La chiesa conserva un documento di rara importanza: due iscrizioni cristiane, una intera, laltra frammentata, tra le pi antiche del Trentino. Esse risalgono al IX-X secolo e sono uniche nel territorio regionale. Poste sul muro esterno della sacrestia, le epigrafi hanno trovato una collocazione consona al loro valore in una nicchia allinterno della chiesa a cura dellUfficio Beni Archeologici della Provincia di Trento, che ne ha curato anche la trascrizione.
Le iscrizioni, illustrate gi dagli illuministi roveretani del Settecento, sono state studiate nel 1882 anche dallarcheologo Paolo Orsi, a riprova del loro interesse.
 



Chiesa di Besagno, iscrizione altomedievale
 

Si tratta di due lastre in pietra calcarea.
La minore riporta la scritta: Ad Honore(m) D(e)i Et S(an)c(ti) Zenoni(s) Ego Joh(annes) P(res)b(yte)r / Hunc Or(atorium) E(?)dificavi ( Io, prete Giovanni, ho edificato questa cappella in onore di Dio e di S. Zenone) la maggiore: + Joh(annes) P(res)b(y)ter Aedificator Titu/li Hic Optat Requiescere/ Tum(u)lo. D(eu)s Illi Donet Se(mpitern)a(m) Requi/em. Felix Sit Illi Mansio (Il sacerdote Giovanni, costruttore della chiesa, desidera riposare qui, nella tomba. Dio gli conceda la pace eterna. La dimora gli risulti propizia).

Il primo testo, probabilmente inciso sullarchitrave della piccola chiesa originaria (oratorium) indica il nome del suo fondatore, il sacerdote Giovanni e del santo titolare, San Zeno, vescovo di Verona, alla cui diocesi era sottoposta la Valle Lagarina fino quasi a Rovereto, il secondo testo era invece intagliato sulla lastra tombale del fondatore della chiesa, posta presumibilmente vicino allaltare.
Le due epigrafi, gelosamente conservate nel corso dei secoli nonostante i numerosi spostamenti, costituiscono una prova della presenza in et altomedievale di un piccolo edificio sacro sullarea dove sorge lattuale chiesa di Besagno, intitolata a Maria e non pi a san Zeno e affidano ai posteri il desiderio di riposo e di pace eterna del sacerdote Giovanni.

Besagno presenta unaltra testimonianza storica di grande interesse: la Crocifissione con la Vergine e San Giovanni Evangelista, affrescata in unedicola posta sulla facciata di unantica abitazione in piazza Castelbarco, dove, accanto ai personaggi sacri, figurano lofferente inginocchiato -un membro della famiglia Castelbarco- e il leone araldico dei Castelbarco in atto di scambiare tre piume con il leone di San Marco, simbolo della Repubblica di Venezia.
Laffresco, uno dei pi significativi del Gotico in Trentino, deriva il suo modello dalla Crocifissione dipinta da Giotto nella cappella degli Scrovegni a Padova ed opera di Giovanni Badile, pittore di Verona formatosi sullesempio dei maestri giotteschi.
Il valore artistico delledicola di Besagno va di pari passo con quello storico, raffigurando laffresco un avvenimento politico che segn la storia della Val Lagarina: laccordo stipulato nel 1405 fra la famiglia Castelbarco e la Repubblica di Venezia, simboleggiato dai due leoni che si scambiano le tre piume, emblema delle tre linee della famiglia Castelbarco, quella di Lizzana, quella di Beseno e quella di Albano-Gresta, accordo che preluse al dominio della repubblica sulla Val Lagarina.
 

Nel nucleo ovest del paese una curiosit costituita dallabitazione che la pittrice Carmen Bert ha affrescato a trompe-loeil in finte pietre e scene montane con certosina pazienza.
Nei dintorni del paese, itinerari che si snodano attraverso prati e castagneti portano da una parte al dosso con gli scarsi ruderi di castel Palt e dallaltra alla valletta in localit Bot un tempo sede di miniere di ferro, opifici e forni fusori -dove si producevano tra laltro bombe da cannone-saccheggiati e incendiati dai soldati francesi del generale Vendme nel 1703, nel corso della Guerra di Successione spagnola.
 

Un difficile sentiero sinerpica invece sui dirupi del monte Giovo, dove una grotta, detta Pontesel dele strie dalla quale le streghe si calavano tramite lunghe scale ospita le tracce del castello di Besagno, una delle corone (castelli eretti in una grotta) di cui si hanno esempi in Trentino nel castello di S. Gottardo a Mezzocorona, in castel Corona a Cunevo e nel Covelo in Valsugana.



Per saperne di pi

PASSERINI, Origini e memorie di Besagno, 1938
A. GORFER, Terre lagarine, 1977
G. CIURLETTI-M.MAZZUCCHI, Le iscrizioni altomedievali di Besagno (Mori), 2002
R. COLBACCHINI, in Le vie del Gotico. Il Trentino fra Trecento e Quattrocento, 2002
 

Le trincee

La linea difensiva del Creino e dello Stivo

Leggi
 Coordinamento testi: Katia Angeli, Norma Benoni, Michela Luise

Project by Graffiti2000