OSPITALITA' AGRICOLTURA ARTIGIANATO AVVENIMENTI PERCORSI E SPORT CULTURA E STORIA GEOGRAFIA DOVE SIAMO
   
Sei in: Home / Cultura / Da visitare / Paesi 
 Cultura e storia
    
   

Corniano

 



Ruderi di Corniano

Corniano, poco distante da Manzano, un paese fantasma, abbandonato forse a seguito delle rappresaglie dei veneziani, che nel 1440 portarono alla distruzione dei castelli di Albano e di Nomesino, forse a seguito della grande peste del 1630.
Le case in pietra e i ruderi del misterioso paese, le sovrastanti rocce colorate da strati calcarei rossi e grigi sovrapposti, la chiesa romanica di S. Agata, danno luogo a un ambiente tanto straordinario da essere inserito nelle zone dinteresse monumentale da parte della Provincia di Trento.

La deliziosa chiesa di S. Agata sorge isolata in posizione panoramica.
Di origine altomedievale, ledificio ha un impianto romanico, con facciata a capanna, piccole finestre sopra il portale e nellabside e massiccio campanile di pietra coperto da cuspide.
Allinterno sono conservati degli affreschi, opera di quei pittori che nel Cinquecento dipinsero le chiese della Val di Gresta. Sulla parete destra raffigurata lUltima Cena, molto deteriorata e datata 1537, sulla parete sinistra, decisamente meglio conservata, una Madonna e santi. Nel 1959, nel corso delle sue indagini sugli affreschi, Enrico Less notava che sul libro tenuto da uno dei santi era tracciato un passo del Vangelo in latino, non tuttavia come si scrive bens come si pronuncia, prova che il testo fu dettato dal sacerdote a un pittore ignaro di quello che scriveva.
Gli affreschi celano un ciclo quattrocentesco, sovrapposto a sua volta a decori duecenteschi.
Lantichit della chiesa recenti indagini a cura dellUfficio Beni archeologici della Provincia di Trento parlano di epoca carolingia testimoniata dallacquasantiera in pietra, ornata da motivi incisi, conservata al Museo Diocesano di Trento come raro cimelio preromanico.
Scavi effettuati nei primi anni Settanta portarono alla luce labside semicircolare della chiesa primitiva e sulla parete sud la porta pi antica e due finestrelle strombate.
La chiesa era un tempo circondata dal cimitero, come hanno rivelato le numerose tombe rinvenute sotto il sagrato.

Sulla parete rocciosa che si eleva a poca distanza si trova una grotta in cui la tradizione popolare vuole fossero isolati gli ammalati di peste, rifocillati dai parenti tramite vettovaglie calate dallalto.
In realt nella grotta, che assieme alle cause dellabbandono del paese costituisce uno dei misteri di Corniano, non vi posto che per una o due persone soltanto.

Inserire foto chiesa



Per saperne di pi

A. GORFER, Terre lagarine, 1977
E. TRANQUILLINI, Segreti a Corniano? (Val di Gresta) in I Quattro Vicariati
 

Le trincee

La linea difensiva del Creino e dello Stivo

Leggi
 Coordinamento testi: Katia Angeli, Norma Benoni, Michela Luise

Project by Graffiti2000