OSPITALITA' AGRICOLTURA ARTIGIANATO AVVENIMENTI PERCORSI E SPORT CULTURA E STORIA GEOGRAFIA DOVE SIAMO
   
Sei in: Home / Cultura / Da visitare / Paesi 
 Cultura e storia
    
   

Sano e la Grotta del Colombo

Solitario villaggio posto su un verde ripiano che domina la valletta del Cameras, sulla vecchia strada che conduceva da Mori a Castione.
Poche case tra le quali villa Benedetti, circondata da un giardino- ingentilite da elementi lapidei che risentono dei modi dei maestri castionesi, si raccolgono attorno alla chiesa di S. Antonio Abate, ampliata nel 1891 e rinnovata nel 1961, allinterno pale daltare del XX secolo in stile neogotico.
A sud del villaggio la localit San Zeno, forse nucleo originario del paese, dove un vetusto capitello dedicato al santo vescovo veronese ricorda, assieme a San Zeno di Crosano e alla primitiva titolazione della chiesa di Besagno, lantica giurisdizione ecclesiastica della chiesa di Verona su questa parte della val Lagarina.
In localit Caneve, ai piedi della Crona, si apre una curiosa grotta adibita a cantina.

Luogo di rilevante interesse archeologico e di misterioso fascino la Grotta del Colombo, raggiungibile attraverso il sentiero attrezzato che parte dalla pista ciclabile lungo il rio Cameras, oppure dalla strada per Sano.
Pannelli a cura dellUfficio Beni archeologici della Provincia di Trento illustrano i ritrovamenti avvenuti nella grotta e la sua storia.
Nella vasta caverna che si apre nelle chine del Dos Castion, sovrastato dai ruderi del castello della Corte, Paolo Orsi, linsigne archeologo roveretano, allepoca appena ventenne, scopr nel 1881 una quantit impressionante di materiale che analizz con un metodo di indagine stratigrafico e interdisciplinare assolutamente moderno. Pubblicato nel Bollettino di Paletnologia italiana, il saggio sulla Grotta del Colombo considerato la pietra miliare nella storia degli studi di paletnologia del Trentino e segna la nascita dellarcheologia moderna nella regione.
Gli scavi portarono alla luce resti di focolari e numerose sepolture, dentro e fuori la grotta, che restituirono centinaia di frammenti di vasi, fusi da telaio, pendagli in osso del tipo bottone Montgomery, chiaro influsso della cultura campaniforme sviluppatasi su gran parte del territorio europeo nel 2800-2200 avanti Cristo, ceramica impressa a triangoli e a bande che rivela linfluenza dellarea renana, utensili in selce e inoltre una grande quantit di ossa di animali domestici (cane, bue, pecora, maiale, cavallo, asino) e selvatici (orso, capriolo, cervo, lepre) oltre a lische di pesce.
Il materiale ritrovato, in buona parte conservato nel Museo Civico di Rovereto, copre un periodo di tempo che va dal neolitico allet del bronzo e attesta la lunghissima frequentazione del sito da parte delle popolazioni preistoriche.


Per saperne di pi

P. ORSI, La stazione del Colombo, in Bollettino di Paletnologia, 1885
Storia del Trentino. La preistoria e la protostoria, Trento, 2000
 

Le trincee

La linea difensiva del Creino e dello Stivo

Leggi
 Coordinamento testi: Katia Angeli, Norma Benoni, Michela Luise

Project by Graffiti2000