OSPITALITA' AGRICOLTURA ARTIGIANATO AVVENIMENTI PERCORSI E SPORT CULTURA E STORIA GEOGRAFIA DOVE SIAMO
   
Sei in: Home / Cultura / Old / Arte / La chiesa di san felice di gardumo 
 Cultura e storia
    
   

La Chiesa di San Felice di Gardumo

L'antica comunit o pieve di Gardumo aveva il suo centro nella chiesa pievana o parrocchiale dedicata a S. Felice di Gardumo, e, in seguito, ai S.S. Felice e Fortunato. La Chiesa sorge nei pressi del paese di Valle e conserva il corpo di S. Felice di Gardumo, vescovo e martire. 
Il santo vescovo, secondo la tradizione, fugg dalle persecuzioni dell'Imperatore Diocleziano e si ripar nelle nostre valli. Predic il Vangelo nei paesi di Gardumo e nelle valli circostanti e sub infine il martirio, gettato in una fossa di calce viva nel paese di Valle; venne infine sepolto dove poi fu edificata l'antica chiesa pievana di Gardumo, a lui dedicata e dove si venerano ancora oggi le sue reliquie. 
Le prime notizie della Chiesa, eretta ab immemorabili, risalgono al 1224. Venne poi ricostruita ed ampliata in forme rinascimentali nel 1579-83. L'architettura interessante sia nella volumetria esterna e absidale, che nella grande navata interna con volta a botte; particolarmente elegante il portale d'ingresso ed il protiro sorretto da agili colonne. Nella chiesa venivano probabilmente seppelliti i Signori di Gresta e il sagrato era occupato da un vasto cimitero. 
All'inizio del diciottesimo secolo trov nuovo impulso la venerazione per S. Felice martire. Dal 1704 al 1717 i parrocchiani di Gardumo si autotassarono per costruire una splendida cappella dove conservare degnamente le reliquie del santo vescovo Felice, da poco riesumate. Lo studioso Girolamo Tartarotti critic il culto di S. Felice e compat i poveri abitanti di Gardumo, impoveriti prima dalle distruzioni dell'esercito francese di Vendme e poi dalla costruzione della cappella. Cristoforo Benedetti progett e realizz la cappella e l'altare marmoreo con la bella statua del Santo e altre statue di angeli. Gli affreschi della volta, decorata con stucchi, furono dipinti dal pittore alense Antonio Gresta. 
La cappella di S.Felice considerata il capolavoro di Cristoforo Benedetti e una delle migliori produzioni dei famosi artisti del marmo di Mori-Castione, che operarono in Italia ed in Austria. Nel 1845 venne demolito l'antico campanile contiguo alla Chiesa e ne venne costruito uno nuovo e pi grande, finito nel 1930.

  

Le trincee

La linea difensiva del Creino e dello Stivo

Leggi
 Coordinamento testi: Katia Angeli, Norma Benoni, Michela Luise

Project by Graffiti2000