OSPITALITA' AGRICOLTURA ARTIGIANATO AVVENIMENTI PERCORSI E SPORT CULTURA E STORIA GEOGRAFIA DOVE SIAMO
   
Sei in: Home / Cultura / Storia 
 Cultura e storia
    
   

Storia

La valle era anticamente detta di Gardmo e ancora oggi, localmente, l'uso non stato dimenticato. 
Gresta trae probabilmente origine dal luogo dove fu costruito nel 1225 il castello: Dossum quod Gresta.

Colonizzata in periodo celto-romano su nuclei preistorici, anche nel Medioevo la valle rivestiva una sicura importanza quale luogo di traffico stradale tra il bacino gardesano e quello atesino. 
Ne sono testimonianza le frequenti fortificazioni risalenti a quest'epoca, l'antica Pieve, e la nascita di una potente famiglia feudale: i signori di Gardmo, che, come precedentemente accennato, costruirono il castello (passato in seguito ai Castelbarco).

Quello che era un tempo il territorio dei Gardmo, si era ormai da tempo suddivisa in otto o nove comunit minori che corrispondevano ai paesi pi importanti. 
Se ogni comunit avesse una propria Regola o ve ne fosse una comune non certo, quello che sicuro che la Regola rappresentava un'unit amministrativa, oggi paragonabile al Comune. A capo di questa vi era il Massaro, corrispondente al nostro sindaco, eletto dai paesani e affiancato da quello che oggi potrebbe essere un consiglio comunale. Gi nel XIV secolo quidi, si andava formando una societ composta da nobili, clero e contadini. La Pieve di Gardmo rivestiva allora grande importanza economica ed ecclesiale.

Nel XVI sec. la valle, precedentemente caduta sotto il dominio veneto, torn sotto l'Impero austriaco. I signori di Gresta rientrarono in possesso delle loro giurisdizioni ed il loro prestigio ne usciva ulteriormente esaltato, nonostante la popolazione dovesse far fronte a numerose perdite e difficolt. di questo periodo l'introduzione dell'arte serica in valle, ci ebbe delle ripercussioni notevoli sugli usi locali, in quanto molte famiglie di contadini affiancarono l'attivit agricola all'allevamento del baco da seta.

Nel 1525 in Germania scoppia la guerra dei contadini, che porter un certo miglioramento delle loro condizioni anche in Val di Gresta. Il XVI ed il XVII sec. furono funestati da pestilenze: in quella degli anni 1629-1630 mor in pochi mesi pi di un terzo della popolazione. All'inizio del '700 il Trentino venne coinvolto nella guerra di secessione spagnola: nel 1703 i paesi della Valle del Sarca furono rasi al suolo dalle truppe francesi in ritirata, i quali non risparmiaronoi castelli di Arco, Loppio e Gresta. Le armate francesi domandarono ai paesi della Val di Gresta un esoso importo per essere risparmiati da incendi e saccheggi, ma non potendo far fronte alla richiesta subirono il loro passaggio. In questo frangente venne distrutto l'archivio parrocchiale con i documenti ufficiali di tutta la valle. Le conseguenze economiche furono disastrose.

Con l'assolutismo di Maria Teresa e di Giuseppe II d'Austria si ebbe una svolta positiva per la qualit della vita del popolo, oltre ad un accentramento burocratico che aboliva numerosi privilegi e l'indipendenza tributaria ai signori locali.

Quando nel 1810 Napoleone aggreg i Quattro Vicariati (Ala, Avio, Brentonico e Mori) al Regno d'Italia, proclamando decaduti i privilegi feudali civili ed ecclesiastici, e ribadendo l'uguaglianza di tutti i cittadini, il cambiamento di governo fu ben accolto dalle popolazioni. Con la Pace di Vienna i Quattro Vicariati tornarono al Tirolo, sotto il diretto governo di Insbruck. Essendo linea di confine vennero costruiti ovunque forti, trincee, ricoveri blindati, depositi d'acqua e di alimenti. Al peggiorare delle relazioni tra Italia e Austria gli abitanti della valle furono fatti evacuare nel 1915.

Finita la guerra le popolazioni tornarono nei loro paesi e cominci la ricostruzione. Gli allora comuni di Ronzo-Chienis, Pannone e Varano, Manzano, Nomesino e Valle S. Felice, furono riuniti forzatamente sotto l'unico comune di Pannone nel 1924. A causa di un incendio nel Municipio la sede fu trasferita a Ronzo-Chienis, ed in seguito ad un referendum fu sciolto il Comune di Pannone. Varano, Pannone stesso, Nomesino, Manzano e gi da tempo valle S. Felice si ulirono a Mori.

La valle fu tolta dall'isolamento secolare grazie alla costruzione della strada carrozzabile che oggi la collega a Loppio. Il primo servizio di autocorriere la allacci con l'esterno nel 1949.

 

Le trincee

La linea difensiva del Creino e dello Stivo

Leggi
 Coordinamento testi: Katia Angeli, Norma Benoni, Michela Luise

Project by Graffiti2000