OSPITALITA' AGRICOLTURA ARTIGIANATO AVVENIMENTI PERCORSI E SPORT CULTURA E STORIA GEOGRAFIA DOVE SIAMO
   
Sei in: Home / Cultura / Storia 
 Cultura e storia
    
   

Nicol di Castelbarco e l'epoca d'oro della Val di Gresta. Nostra di Castelbarco 

I Signori di Gresta-Castelbarco ritornarono nel proprio castello investiti della giurisdizione, che venne compresa definitivamente fra le tirolesi. 
I primi quattro-cinque decenni del sedicesimo secolo rappresentarono per la Val di Gresta un'epoca d'oro. 
Venne probabilmente ricostruito il castello di Gresta, bombardato nella recente guerra, e si diede l'avvio alla ricostruzione della chiesa pievana di S.Felice, ed inoltre di quelle di Ronzo-Chienis e di Pannone; vennero ricostruite ed affrescate anche chiese minori, come quella di Varano, di S.Anna, di Corniano, di Manzano, di Nomesino e la cappella di S.Rocco di Pannone. 
Vennero infine costruite o ricostruite molte case d'abitazione, usando sempre pi frequentemente portali e lesene alle finestre in pietra ben tagliata da abili tagliapietre secodo disegni rinascimentali. 
La vivace attivit edilizia fu certamente segno di benessere diffuso a tutta la popolazione. 
Nel 1525 durante la "Guerra rustica" parteciparono all'eccidio del conte Busio di Nomi anche alcuni contadini di Gresta, tuttavia la ribellione non tocc i paesi e non compromise il Signore di Gresta; anche la vicina popolazione di Mori rimase estranea alla guerra rustica. 
Risale agli anni fra il 1530 e 1540 e ci commuove ancora la triste storia damore di Nostra, figlia del barone Nicol di Gresta-Castelbarco. 
Nostra si era innamorata di un giovane barone Madruzzo, che abitava nel Castel Maggiore di Brentonico. Il loro amore venne severamente osteggiato dalla famiglia di Nostra, nemica dei Madruzzo, principi di Trento, a motivo della lite per il possesso dei Quattro Vicariati. 
Nostra disperata tent il suicidio gettandosi dalla rupe di Castel Gresta; ma fortunatamente di salv ed alla fine si sottomise alla volont paterna e spos il conte Vinciguerra d'Arco. 
Il ricordo del loro matrimonio inciso nell'affresco del presbiterio della chiesa di S.Rocco di Caneve d'Arco. La storia venne pubblicata in un noto romanzo dell'ottocento di Pietro Alessandrini. 
Verso la fine del secolo sedicesimo albergarono al castello di Gresta le bande di bravi dei baroni Antonio e Federico e dei loro parenti i conti Avogadro di Brescia, che molestarono a lungo i paesi circostanti e seminarono crudelt e delitti degni della penna del Manzoni. 
Nel 1577 essi assaltarono e conquistarono il castello di Arco, trucidando il conte Orazio dArco. 
Nel corso del diciassettesimo secolo i Castelbarco proseguirono lormai secolare causa per la propriet dei Quattro Vicariati fino al 1663, quando vennero a loro assegnati dopo la morte dellultimo Madruzzo e lestinzione di quella famiglia.
 

Le trincee

La linea difensiva del Creino e dello Stivo

Leggi
 Coordinamento testi: Katia Angeli, Norma Benoni, Michela Luise

Project by Graffiti2000